Languages

Mappa poi itineario

Lungo l'itinerario trovi

    You are here

    Nel centro di Padova in barca

    Tra le attività più interessanti – e meno impegnative - da fare a Padova, c’è la possibilità di muoversi per il centro lungo i canali navigabili.

    Anticamente Padova era una città all'interno della quale ci si spostava su gondole, sandoli, burci e mascarete che solcavano dolcemente i canali interni trasportando persone e merci lungo le vie d'acqua in un continuo succedersi di ponti e splendide dimore. Proprio come Venezia, Padova era interamente percorsa da un piacevole naviglio, oggi sapientemente riscoperto in veste turistica e non più funzionale all’economia della città. Una rete di canali ad anello conduce infatti i visitatori tra le bellezze artistiche e storiche del centro. Altri canali collegano invece il centro alla periferia di Padova e alle sue bellezze naturalistiche.

    La navigazione del centro storico prevede un percorso davvero suggestivo e una prospettiva inaspettata. E’ previsto l’imbarco alle Porte Contarine, ispirate al modello di Leonardo da Vinci ed importantissimo esempio di archeologia urbana. Le Porte Contarine, costruite dai veneziani nel 1526, servivano a superare il dislivello d'acqua dei diversi canali. Le imbarcazioni provenienti dal Piovego potevano quindi, aprendo o chiudendo le porte, salire o discendere il Naviglio Interno.

    Si prosegue costeggiando le antiche mura rinascimentali veneziane, passando dal monumentale Bastione Castelnuovo con la sua porta d’acqua, fino al Portello. Porta Portello era l’antico porto fluviale di Padova, punto di attracco per tutti i battelli che collegavano la città alla laguna di Venezia. Porta Portello risalta con il monumentale portale in pietra d’Istria e la sua bella scalinata cinquecentesca (dipinta su tela anche dal Canaletto).

    Durante il tragitto si oltrepassa la cittadella universitaria e si ammira l’ex Macello, edificato nell’Ottocento dallo Jappelli. Poco distante si trovano i giardini dell’Arena Romana, che racchiudono la preziosa Cappella degli Scrovegni di Giotto e poco più in là l’importantissima Chiesa degli Eremitani con gli affreschi del Mantegna.

    Tipologia 
    Share Condividi
    Umberto Borgonovo
    Mikele Tassinato
    Giulio Pagella

    Media gallery

    Media gallery
    Umberto BorgonovoMikele TassinatoGiulio Pagella

    Da non perdere